News

Eventi, fiere, manifestazioni. Il marmo è protagonista

Il Consorzio Produttori Marmo Botticino Classico compie 30 anni

Il Consorzio Produttori Marmo Botticino Classico compie 30 anni

Fondato nel 1987, il Consorzio che associa le Aziende Produttrici del bacino estrattivo e il Comune di Botticino, festeggia quest’anno il 30° anniversario e conferma la volontà dei soggetti coinvolti di continuare a promuovere la cultura e la qualità del Marmo Botticino Classico.

Estratto unicamente dal bacino marmifero delimitato dai confini del Comune di Botticino, il “Classico” è la qualità di Botticino più pregiata. Un marmo unico e inconfondibile per la caratteristica colorazione, ma anche per la struttura compatta e resistente, che lo rende un materiale versatile per le realizzazioni architettoniche e artistiche. Numerose sono, infatti, le testimonianze del suo impiego strutturale e ornamentale nel corso di due millenni, dal Tempio Capitolino, capolavoro della Brixia romana, ai colossali interni della stazione Grand Central Terminal a New York.

Puntando sulla qualità superiore del materiale estratto e trasformato nella zona d’origine da una manodopera altamente specializzata, nei suoi trent’anni d’attività, il Consorzio Produttori Marmo Botticino Classico ha dato grande impulso alla notorietà e all’esportazione di questo marmo in tutti i continenti, grazie ad attività strategiche volte ad affermare i valori del Marmo Botticino Classico e del suo territorio.

Tra le iniziative capitali per la diffusione di una maggiore consapevolezza circa il Botticino Classico, quella di creare il Marchio Collettivo “Marmo Botticino Classico”, primo marchio di origine applicato al mercato lapideo. Nato nel 2005 dall’esigenza di proteggere e favorire l’esclusività del marmo di Botticino da “copie” e contraffazioni, il Marchio certifica l’origine di provenienza, attesta la qualità unica del materiale, della lavorazione e ne controlla la commercializzazione.

Tante sono state, inoltre, negli anni le partecipazioni del Consorzio a fiere di settore nazionali e internazionali per sostenere l’attività delle aziende consorziate, tra le più importanti quella di Carrara, il Marmomac di Verona e il Made di Milano, nel mondo Norimberga, Londra, Parigi, Giappone, Cina, India, Stati Uniti d’America, Emirati Arabi Uniti, Azerbaijan e Indonesia.

Rilevanti anche le relazioni sviluppate con Enti Istituzionali nazionali e locali, come quelle intessute con gli uffici provinciali e regionali e con associazioni di categoria quali AIB, Confindustria Marmomacchine, Collegio costruttori di Brescia, CCIAA e ProBrixia, la collaborazione, sempre più strategica, con gli altri due Consorzi locali del settore, il Consorzio Cavatori Valle di Nuvolera e il Consorzio Marmisti Bresciani.

Non meno importanti, tutte le attività di coordinamento svolte per problematiche congiunte tra le aziende consorziate, come ad esempio il monitoraggio inquinamento aria e rumori, la gestione delle aree di cava, la realizzazione di rilievi aerofotogrammetrici, le prove di laboratorio sui materiali, così come i corsi di formazione sulla sicurezza e di lingua inglese per gli operatori delle aziende consorziate.

Come si diceva all’inizio di quest’articolo, oggi è impossibile slegare un prodotto, le sue qualità e il suo territorio d’origine, dalla promozione dei suoi valori e dall’apertura all’innovazione continua. Per questa ragione il Consorzio Produttori Marmo Botticino Classico ha posto nel corso degli ultimi anni sempre maggiore interesse per la creazione e la divulgazione della cultura del Botticino Classico, ne sono esempi le visite didattiche in cava per studenti e professionisti, la collaborazione di lunga data con la Scuola Vantini e l’organizzazione dei due premi di architettura Arch&Stone 2008 e Arch&Stone2013, il primo nazionale e il secondo europeo, per opere in pietra naturale realizzate da architetti e progettisti di fama internazionale.

A testimonianza della qualità del lavoro svolto finora, nel prossimo futuro assisteremo all’attivazione di una consistente e variegata serie di collaborazioni e attività che rappresentano i successivi passi della strategia di valorizzazione internazionale intrapresa dal Consorzio sotto la guida dell’attuale Presidente Giovanni Merendino:

un ciclo di seminari dedicati al mondo dell’architettura, in collaborazione con il Comune di Botticino e con il vincitore di Arch&Stone 2013, l’archistar Vincenzo Latina. Un percorso che porterà al Teatro del Centro Lucia di Botticino architetti e relatori di fama mondiale;

la convenzione con lo IUAV di Venezia, favorita dal Professor Alberto Ferlenga, rettore bresciano della Facoltà dal 2015, con il coinvolgimento del Comune di Botticino per incentivare l’impiego del Botticino Classico nelle istituzioni che formano gli architetti di domani mediante ricerche, studi, seminari e workshop sul territorio di estrazione e trasformazione;

la terza edizione di Arch&Stone, il premio dedicato ad architetti e progettisti di fama internazionale per opere realizzate in pietra naturale, per continuare un percorso che ha dato l’occasione di stringere sinergie capaci di attivare in seguito importanti collaborazioni;

l’Italy Learning Project, progetto formativo maturato nel maggio 2017 in occasione della visita ufficiale del console indiano Sir Charanjeet Singh. Il progetto vede coinvolti i Consorzi del Marmo e le Amministrazioni del territorio nell’allestimento di uno stage per giovani professionisti indiani: una settimana di apprendimento a contatto diretto con esperti di produzione, progettazione e realizzazione di opere edili e artistiche in pietra;

l’allestimento di un blog, in collaborazione con il Consorzio Valle di Nuvolera, con l’obiettivo di rendere in breve tempo questo strumento il punto di riferimento digitale per qualsiasi interlocutore interessato al marmo Botticino, e a tutto il bagaglio di conoscenze, informazioni e attività dei Consorzi coinvolti.

speciale expo

Il marmo a expo 2015

Archivio News

Mermomac 2017

Marmomac 2017

Anche quest’anno il Consorzio parteciperà a Marmomac 2017, Fiera Internazionale […]